Non è forse il desiderio di tanti un luogo di lavoro panoramico nel cuore della città?

Un sogno che si materializza nel progetto Private Office, i nuovi uffici direzionali firmati dallo studio romano Alvisi Kirimoto, che ha trasformato il 32° piano di un grattacielo di di 224 mq d’altezza nell’ex quartiere industriale di West Loop, in un luogo in cui le attività lavorative e la collezione d’arte del proprietario si fondono nell’intera superficie di 2600 mq.

Uno spazio che nasce dal contesto ospitante, con la volontà di riproiettare all’interno il tracciato della città con tutte le sue sorprese.

Come affermano i progettisti “nel momento in cui si esce dagli ascensori, approdando al 32° piano, si ha la sensazione di immergersi nuovamente nella città – a un’altezza e prospettiva diversa, certo, ma con i piedi ben piantati nelle strade di ChicagoSi passeggia tra pezzi di arte contemporanea, orientale o di archeologia, sorpresi di tanto in tanto da colori forti o da doppie altezze insolite per un grattacielo, guidati dal ritmo serrato delle pareti, dalla luce e dagli assi visuali. Il primo input, infatti, è stato proprio privilegiare questi ultimi e lasciare gli angoli liberi per mantenere sempre il contatto visivo con la città.”